Around Goodison – Lettere dei Tifosi

IL TRITTICO E’ FINITO  – di Davide Ghilardi

Una delle settimane più intense che il calendario della Premiership ha programmato è terminata e ha lasciato, a noi Toffees, la sensazione di essere “belli ma incompiuti”.

Le partite con Norwich, Arsenal e Man City hanno regalato tre pareggi agli uomini di Moyes che, una volta di più, hanno dimostrato di essere all’altezza per affrontare qualsiasi tipo di avversario ma che, contro avversari meno quotati, peccano nel saper chiudere le partite, cosa che fa la differenza in un campionato, quello Inglese, dove il “killer instict” è necessario.

La classifica è buona ma, per non avere recriminazioni a maggio, sarebbe opportuno che ai nostri ragazzi entrasse nella mente quant’è importante mantenere la concentrazione per tutto l’arco della gara e sfruttare a pieno quel dominio sul possesso palla che, spesso, contraddistingue le nostre prestazioni.

Il rientro di Gibson, avvenuto ieri in quel di Manchester, ha fatto notare quant’è importante la qualità che regala l’Irlandese e quanto sia mancato a Moyes in questi mesi. Il nostro numero 4 è sempre stato soggetto, in carriera, a problemi di questo tipo e c’ho lo penalizza molto. Un vero peccato perché, quando sta bene, regala un equilibrio al reparto che manca dai tempi di Arteta. Speriamo che ora la dea bendata gli dia una mano..

Gli infortuni giocheranno un ruolo importante da qui alla fine. Noi ne siamo sempre stati soggetti e, anche quest’anno, ne stiamo pagando dazio. Fortunatamente, il guaio capitato a Leighton Baines non era grave e il nostro terzino ha potuto scendere in campo e dare il meglio ieri. Anche Tony Hibbert è tornato arruolabile e la qualità della nostra fase difensiva ne ha beneficiato non poco. Ora aspettiamo che torni Kevin Mirallas, così da poter dare più incisività al nostro attacco. Gli altri (Anichebe, Neville e Coleman) dovranno pazientare ancora un po’.

Ross Barkley è rientrato alla base ma non ha giocato molto. David Moyes l’ha riportato a casa più per l’emergenza che s’era creata che altro ma, a parer mio, il nostro youngster sarebbe rimasto a Sheffield ancora un bel po’ per quelli che erano i piani del nostro Gaffer. Comunque, non mi stupirebbe se, nelle prossime settimane, avessimo aggiornamenti da questo punto di vista.

La prossima partita ci vedrà protagonisti contro il Tottenham. A White Heart Lane hanno problemi vari  (tecnici, infortuni, mercato etc.) ma gli Spurs sono avversari ostici e di buona qualità  e noi dovremo essere bravi ad avere un buon approccio, soprattutto in un momento in cui il mercato impazza. Già in questi giorni s’è sentito di tutto, da Jelavic e Mirallas che fanno i capricci e il Croato che vuole andar via al rinnovo di Moyes. E’ il momento di mantenere i nervi saldi e di fare quadrato, tutti insieme (società, tifosi, giocatori). Ci vuol poco a rompere un giocattolo. La storia, quella sportiva, lo insegna bene..

Se volete esprimere anche voi le vostre opinioni, le vostre sensazioni  o semplicemente raccontare le vostre esperienze intorno al mondo Everton, scrivete a everton.italia@libero.it . Le lettere saranno pubblicate sul blog Everton Italia e sulla pagina facebook ufficiale del gruppo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: